Coltivare l’Aglio

Se hai deciso di coltivare la pianta dell’aglio, sicuramente avrai a disposizione un’ampia macchia di terreno perchè questa pianta, può arrivare anche fino al metro di altezza con radici molto profonde. La sua coltivazione è annuale e non richiede particolari attenzioni.

Prediligi per la tua pianta d’aglio, una concimazione minerale e non organica, in quanto questa potrebbe essere causa di gravi problemi. Per dettaglio è possibile vedere anche il sito Coltivazione.net su cui è presente una guida dettagliata. Non richiede annaffiatura perchè alla pianta basta l’acqua piovana; ovviamente, bisogna intervenire con l’irrigazione, in caso di prolungati periodi di siccità.

Esegui la raccolta dell’aglio manualmente o meccanicamente, estirpando la pianta che successivamente lascerai essiccare sul terreno per almeno una settimana, attenzione alle gelate e grandinate di cui la pianta è nemica. Successivamente pulisci i bulbi, taglia le radici e crea trecce di 20 o 30 bulbi.

L’aglio è soggetto a Perenospora, un fungo che devi tempestivamente debellare per evitare danni erreparabili; si presenta sottoforma di macchie di colore grigiastro che, in poco tempo, fanno marcire la pianta. Puoi prevenire questo tipo di fungo, evitando i ristagni d’acqua nel terreno. Per debellarla procurati degli antiperenosporici presso negozi specializzati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *